© 2020 OTTICA DELL'ORSO created by eyedesign

Vedere Bene per un Benessere Migliore  

come funzionano la Vista e la Visione

Una guida semplificata che aiuta a conoscere i nostri occhi

 

Gli occhi sono i primi organi gemelli del sistema visivo; acquisiscono le immagini e trasformano la luce ambientale in impulsi bioelettrici che attraverso i nervi ottici giungono al cervello dove ha luogo l'identificazione di forme, spazi e colori.

 

 

Perchè tale processo sensoriale-cognitivo abbia effetto in maniera soddisfacente sono necessari alcuni presupposti:

 

 

 

 

 

Ottica l'Occhio è uno "strumento" fatto da lenti e liquidi il cui potere rifrattivo viene espresso in Diottrie; quando il potere degli occhi è più basso o più alto di 60D (valore scelto per esemplificazione) la vista risulta compromessa, pertanto può essere necessario compensarlo opportunamente con l'uso di lenti oftalmiche o a contatto;

Trasparenza i mezzi oculari (Cornea, Cristallino e Liquidi) devono essere omogenei e trasparenti affinchè i raggi luminosi che li attraversano raggiungano senza ostacolo la retina posta sul fondo dell'occhio; le alterazioni di questi tessuti richiedono l'intervento dell'oftalmologo;

Funzioni Nervose la Retina e le Vie Ottiche costituiscono insieme alla Corteccia Visiva la parte nervosa del Sistema Visivo dove avvengono tutti i processi più complessi dell'elaborazione sensoriale; una anomalia funzionale od una patologia a qualunque livello di queste componenti comporta una mancata efficienza della funzione visiva e richiede l'intervento dell'oftalmologo.

 

 

 

 

Anatomia della Bellezza

"Dieci Decimi"... cosa significa

I decimi sono un riferimento numerico per quantificare l'acuità visiva. Si utilizzano tabelle di riferimento chiamate ottotipi con parametri standardizzati (illuminazione ambientale, contrasto, distanza di lettura corrispondente alla dimensione dei simboli); i gradi di difficoltà possono essere rappresentati da lettere, numeri o figure, con dimensioni decrescenti la cui risoluzione visiva definisce la capacità del soggetto di vedere più o meno bene con o senza le lenti correttive. Il valore di "10/10" non definisce la massima acuità visiva possibile, bensì un dato statistico di coloro che vedono bene; non è raro riscontrare persone con capacità superiori, o persone che senza lenti leggono i 10/10 pur tuttavia lamentando un'insufficienza visiva.

Decimi e Diottrie

Avere 7/10 non significa necessariamente che mancano 3 diottrie per avere una buona visione. E' un errore molto comune quello di confondere decimi con diottrie; queste ultime sono l'unità di misura dei sistemi ottici e delle lenti, che possono essere positive o negative per aumentare o diminuire il potere oculare a seconda del difetto visivo o della necessità per la quale viene prescritto l'uso di lenti.

Le Ametropie: i Disturbi della Vista che si compensano con l'uso delle Lenti

Quando gli occhi hanno una conformazione anatomica od un potere in Diottrie differente da quello ideale del soggetto emmetrope (condizione rifrattiva di riferimento), la capacità visiva è ridotta e l'efficienza scende rispetto ai valori di acuità visiva espressi in decimi.

Miopia I raggi luminosi che provengono da un oggetto distante si focalizzano prima della retina, pertanto l'immagine del "lontano" risulta annebbiata; a seconda del grado di miopia gli oggetti posti a distanze ravvicinate possono essere visti correttamente.

 

 

 

 

 

 

MIOPIA - l'occhio è più potente di 60D (occhio emmetrope - valore scelto per esemplificazione)

esempio: 62 diottrie = miopia di 2.00D, si compensa con una lente negativa -2.00 che riporta i valori diottrici nella norma e l'immagine si focalizza sulla retina

Ipermetropia I raggi luminosi che provengono da un oggetto distante si focalizzano dietro alla retina; tuttavia un certo grado di ipermetropia può essere compensato grazie all'accomodazione, se quest'ultima non è sufficiente le immagini appaiono sfocate tanto più gli oggetti sono posti vicino all'osservatore.

 

 

 

 

 

 

IPERMETROPIA - l'occhio è meno potente di 60D (occhio emmetrope - valore scelto per esemplificazione)

esempio: 57 diottrie = ipermetropia di 3.00D, si compensa con una lente positiva +3.00 che riporta i valori diottrici nella norma e l'immagine si focalizza sulla retina

Astigmatismo Quando la struttura anatomica della cornea o del cristallino è ovoidale, anzichè sferica, le immagini incidenti sull'occhio formano una figura distorta sulla retina invece di un preciso punto nitido. Questo fenomeno è una complicanza della miopia o dell'ipermetropia e genera disturbo a tutte le distanze di visione in particolarmodo con bassa luminosità ambientale (ad es. guida notturna).

 

 

 

 

 

 

ASTIGMATISMO - l'occhio ha poteri diottrici diversi sui due meridiani principali

esempio: 58 diottrie / 61 diottrie = astigmatismo misto, si compensa con una lente torica +2.00/-1.00 che riporta i due valori diottrici nella norma e l'immagine si focalizza sulla retina

Presbiopia Il cristallino è una lente oculare posta dietro all'iride ed alla pupilla; dopo i 45 anni di età i suoi tessuti riducono la flessibilità e la capacità di adattare la propria forma per mettere a fuoco gli oggetti vicini all'osservatore. I segnali si manifestano  dapprima con un affaticamento nella lettura, successivamente si rende necessario allontanare il testo per riuscire a leggerlo nitidamente. Contrariamente ad alcune teorie "naturalistiche" la presbiopia va compensata sin dai primi sintomi perchè non si attivino complicanze sintomatiche ed ulteriori riduzioni funzionali.

 

 

 

 

 

 

PRESBIOPIA - gli occhi hanno ridotta efficienza dinamica necessaria ad "accomodare" la messa a fuoco ovvero ad aumentare il potere diottrico per la visione prossimale,

si compensa con lenti positive (fino a +3,50D) da utilizzare nella lettura e nelle attività ravvicinate

Vista e Visione - Oggettività e Filtri Individuali

Mentre la Vista è un processo fisiologico oggettivo, la Visione è un fenomeno percettivo complesso che può risentire di aspetti soggettivi, ambientali e temporali.

Ad esempio il giudizio estetico di una immagine osservata è influenzato da numerosi filtri personali (fattori psicologici, emotivi e di esperienza) oltre a certi canoni culturali che pure cambiano nel tempo.

 

 

 

 

 

 

 

La mente talvolta giudica in maniera soggettiva le immagini attribuendo valori personali a ciò che si osserva

Vista e Visione - Processi Cognitivi che possono essere Ingannati 

A causa della complessità del processo della Visione è possibile fare l'esperienza di fenomeni illusori attraverso l"inganno percettivo" realizzato da specifici attributi spaziali talvolta offerti dal caso, talvolta artefatti da un abile "prestigiatore".

La mente può persino subire quello che in psicologia viene definito un "paradosso percettivo" nell'impossibilità di concepire la realtà spaziale dell'immagine rappresentata agli occhi.

 

Ne riportiamo di seguito alcuni esempi per il vostro divertimento.

 

 

 

 

 

 

 

Inganno percettivo "casuale"

In questa fotografia scattata durante una competizione di ginnastica artistica, l'atleta sembra "senza testa". L'illusione è resa da due fattori  coincidenti, la straordinaria flessibilità della ginnasta e la prospettiva della ripresa fotografica.

Inganno percettivo "artefatto"

In questo esempio sono rappresentati degli ingranaggi il cui interno è scandito da porzioni colorate. L'effetto illusorio dato dall'attivazione di alcune cellule fotorecettrici retiniche provoca il movimento rotatorio degli ingranaggi

Paradosso percettivo

L'illustrazione raffigura il dettaglio di un'opera di M.C. Escher la cui arte ha dedicato allo studio delle illusioni visive. In questo castello è disegnata una "scala infinita" che non porta ad alcun piano, la realizzazione architettonica non è plausibile e l'attenta analisi del percorso conduce l'osservatore ad una sorta di "frustrazione visiva".